tasse! tasse! bellissime, adorabili tasse!

mareieri il ministro tommaso padoa-schioppa durante un’intervista televisiva ha definito “bellissime” le tasse, sottolineando la necessità civile di contribuire tutti allo sviluppo del paese
non ho visto l’intervista, ho letto la dichiarazione ieri sera su uno striminzito articolo di repubblica subito nascosto da altre notizie forse più importanti

un paio di considerazioni
innanzitutto un applauso, perché secondo me si tratta di un’affermazione importantissima, quasi sconvolgente nella sua banalità
niente male per uno che nella vita fa il ministro, quindi a tutti gli effetti un collega di quel viscidissimo, deprimente individuo che periodicamente si permette di inneggiare alla rivolta armata contro lo stato senza che nessuno si prenda la briga e di certo il gusto di internarlo in qualche serio istituto correttivo di quelli “old-style“..
davvero disarmante, il candore del ministro con il trattino in mezzo
le tasse non sono bellissime, per carità, sfido chiunque a pensare il contrario: c’era quella battuta di non so chi che diceva “dicono che si dovrebbe pagare le tasse con un sorriso, io ci ho provato, ma quelli volevano i soldi!”
o qualcosa del genere

ma le entrate fiscali sono fondamentali per ogni nazione, moderna ma anche no: non sono un esperto di diritto e non ho alcun interesse a stare qui e spiegare il principio su cui si basa questo sorprendente enunciato (basta leggersi l’articolo 53 della nostra costituzione), però ogni volta mi domando come sia possibile che in questo paese, che pure è un paese “avanzato”, pagarle sia diventato un’onta, una punizione insopportabile, un latrocinio bello e buono da parte di qualche governante senza scrupoli
ricordo i manifesti simpaticissimi di non so quale simpaticissimo partito destrorso, che si batteva orgogliosamente contro il pagamento di altre tasse: un primo piano goffissimo di prodi che si produceva in una risata paffutella in cui clamorosamente emergevano i canini, significativamente vampireschi
(avanti, quanti di voi ricordano di aver mai visto in televisione o sui giornali i denti di prodi?)
meno tasse per totti, insomma, non come questi commmmunisti che amano spremere la povera gente fino all’ultimo centesimo per soddisfare chissà quale perverso desiderio di vendetta: per quale motivo poi, non è dato sapere, di certo non si arricchiscono alle nostre spalle, l’importante è che passi alla storia l’immagine dei sinistrorsi succhiasangue “a prescindere”
va be’
insomma l’italiuccia nostra non sopporta il pagare le tasse, non importa che siano basse o alte, l’importante è non pagarle: e allora santifichiamo luciano pavarotti, continuiamo a tifare valentino rossi, teniamoci pronti a votare per flavio briatore
che amarezza

l’altra considerazione riguarda l’opportunità strategica di tale affermazione, da parte di un esponente così importante del centrosinistra
questo mi piace della sinistra italiana, che riesce a mettersi nei guai anche quando fa le cose giuste: come dimenticare i “bamboccioni” di pochi giorni fa? un provvedimento condivisibilissimo, quello degli sgravi fiscali per i giovani in cerca della prima casa, un’iniziativa che avrebbe potuto raccogliere grande successo tra molti potenziali elettori, che perde ogni senso e diventa una sterile polemica sulla terminologia usata dal succitato ministro durante le sue esternazioni a mezzo stampa
ma che ci vuole a presentare all’italia un lavoro finalmente fatto bene, senza necessariamente rovinare tutto con qualche zampata finale?
è così difficile fare bella figura agli occhi di noi smarritissimi vostri elettori, e magari renderci orgogliosi una volta tanto?

ps: caffè pagato a chi azzecca la colta citazione nel titolo del post

Annunci

10 thoughts on “tasse! tasse! bellissime, adorabili tasse!

  1. Ma partecipi ancora a “Kilombo”? Bravo. Io aspetto che si mettano un pelin d’accordo…
    1) La citazione me l’hanno fregata: da padre di bimba di otto anni era uno scherzo.
    2) Io sottolineo sopratutto la parte in cui dici che pare sia un’onta pagarle, le tasse. Siccome son dipendente, a me non mi fanno lo sconto neanche di un’euro. E’ la mentalità Luchino, la mentalità. Se posso mettere la macchina sulla pista ciclabile perchè è comodo, lo faccio: da questo alle stelle. Però, mi si consenta (eh, e questa di citazione?!) di dire anche che non si capisce come, con gettiti fiscali in aumento, non si riesca mai, dico MAI, a vedere che queste montagne di denaro servano per servizi migliori, per l’assistenza medica decente e tutte quelle cose che fanno tanto “welfare”.
    3) TPD è un allegro burlone, si sa. Tanto, a 15000€ al mese, che ti fai, problemi?
    Studia!
    🙂
    Daniele

  2. Il discorso sulle tasse sarebbe più che giusto, se non fosse che la pressione fiscale in Italia è parecchio squilibrata. I lavoratori dipendenti non possono scappare e pagano fino all’ultimo cent (salvo quelli che lavorano per le piccole aziende che possono fare qualche “impiccetto”), mentre gli altri si inventano i raggiri più fantasiosi. Capisco che questa è una materia zeppa di luoghi comuni, ma la realtà è questa, e nessun governo si è mai impegnato in una seria riforma fiscale. Motivo? Il conflitto di interessi che coinvolge un po’ tutti i nostri simpatici politicanti, e non solo il Berlusconi.
    Io non sono per la “rivolta” di Bossi, ma per una rivoluzione che produca un rinnovamento radicale. Secondo me questo sistema è talmente disastrato che non si può “aggiustare”; meglio farne uno nuovo nuovo, ma non c’è modo di farlo con i sistemi convenzionali (elezioni –> governo –> riforme).

    Ciao,

    Vigenere

  3. a riguardo potrei scrivere per ore, ma devo lavorare, non posso.
    diciamo che sapere perché paghi le tasse sarebbe bello. come quando si aumenta il biglietto della metro per fare una linea nuova. dici: ok, pago di più, che avrò un nuovo servizio. è che poi il servizio mica lo fan no, e il prezzo non scende più.

  4. “La riduzione delle tasse provocherebbe l’insufficienza delle risorse per la protezione sociale dei più poveri, l’educazione, la ricerca, la sanità, la casa o l’ambiente. Consideriamoi prelievi fiscali come legittimi e siamo orgogliosi di dare il nostro contributo alla spesa pubbilca necessaria al progresso, alla coesione sociale e alla sicurezza della nazione”
    Petizione contro la proposta Sarkozy sul fisco. Tra i firmatari J.Delors e il quotidiano Liberation
    Ma già, lì siamo in Francia e non c’è il pifferaio magico che ci porta dove vuole lui

  5. erbasalvia ha aggiunto esattamente quello che mi ero dimenticato di scrivere. I contribuenti sono la sorgente, ma a quanto pare le condutture hanno un po’ troppi buchi e ai rubinetti (i servizi) arrivano soltanto le gocce. Quindi secondo me non basta attappare qualche buco, ma si deve rifare tutto l’acquedotto: scavare, dissotterrare e sostituire usando nuovi materiali più ecocompatibili.
    Mannaggia, con queste metafore mi sembro Zichichi, che invece degli spaghetti si mangia lo spazio-tempo!

    Vigenere 🙂

  6. ok era facile
    era proprio robin hood della disney, o meglio era il principe giovanni, che sul “cocchio” reale si crogiolava con i sacchi di monete d’oro derivati dalle innumerevoli tasse che affamavano i sudditi del regno
    tornando al post, come al solito vi ringrazio per i vostri commenti: in effetti non ho molta esperienza in materia fiscale, sono un semplice studente sbarbatello e di mio non ho mai cacciato una lira allo stato (almeno, non direttamente), quindi non so davvero esprimere un giudizio consapevole
    quello che non posso evitare è condividere con voi la necessità di vedere che tutti i soldi pagati si trasformino poi in cose concrete, e non in carburante per gli aerei di mastella o cera per le candele del vaticano
    è da queste cose che si percepisce il senso di far parte di un unico stato, io credo
    tornerò sull’argomento, senza dubbio
    ciao a tutti
    luca

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...