we’re half awake in a fake empire

lampadarioieri sentivo casualmente al telegiornale che, nel corso di una conferenza stampa accanto al premier inglese, all’interno di una di quelle visite che i celebrativi media nostrani dipingono sempre più facilmente come nuovi grandi successi patrii all’estero, un sempre vivace presidente renzi faceva il confronto tra i mostruosi nuovi numeri della disoccupazione in italia e quelli di tre anni fa, sostenendo che in questi tre anni “abbiamo perso troppa strada”, perché “abbiamo un sistema che manca di flessibilità”, e che ovviamente, per recuperare, bisogna “correre”
ecco, credo che in queste parole ci sia tutto renzi, e non ce n’è una che mi piaccia

innanzitutto, prendere a paragone i dati del 2011, presentandoli come positivi, è una mossa doppiamente losca e disonesta: il tasso di disoccupazione in italia è in costante aumento praticamente dal 2007 in avanti, basta andare a leggere i dati storici presenti sul sito dell’istat, che per vostra fruizione ho riportato nella seguente figura

[sì, è un po' di tempo ormai che per lavoro produco grafici in excel a ritmi forsennati, per cui alé]

[sì, è un po’ di tempo ormai che per lavoro produco grafici in excel a ritmi forsennati, per cui alé]


dunque non è vero che tre anni fa fossimo in una situazione auspicabile
ma soprattutto, dare la colpa del disastro in cui viviamo alle larghe intese di cui tu sei capitano e condottiero, dimenticando un intero ventennio di berlusconi, tremonti, sacconi, maroni… ma che disonesto sei?!
sei tu che dirigi la barca, caro il mio uomo nuovo, e hai pure scelto di guidarla, e accanto a te al timone ci sono quelli che sono stati sul ponte di comando negli ultimi venti anni, ci sono gli stessi che hanno puntato dritti all’iceberg con coscienza e ostentata indifferenza, non puoi far finta di non accorgertene, o di prendertela con loro

invece, sembra proprio che la ricetta di renzi per invertire il trend sia una brusca accelerata verso l’iceberg, adottando delle misure che osano superare di slancio (e a destra) gli abominii prodotti dagli esecutivi precedenti sul piano della precarizzazione selvaggia e della cancellazione dei diritti, rosicchiando via altre piccole tutele cui i miei coetanei sono costretti ad aggrapparsi in un mondo del lavoro che è sempre più carnivoro
renzi se ne fotte, lui punta alla flessibilità, come il più turboliberista dei marchionni, e con il plauso di confindustria, cooperative (lo stesso ministro poletti) e finanza internazionale si affretta a portare a casa un’altra riforma fondamentale fatta a casaccio
tutto all’insegna della corsa, del dinamismo ostentato e neofuturista, rapidità come sinonimo di concretezza, che tanto piace al popolo, ora come circa novant’anni fa

Annunci

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...