i told you ‘bout all those fears, and away they did run

discesaè arrivato financo il maggio odoroso, ragazzi miei, e io non ho ancora pubblicato la mia classifica delle canzoncine del 2012, forse è il caso che la smetta di menare il giorno in altre facezie e mi dedichi di più a queste amorevoli tradizioni
partiamo subito, va, ché tanto le mie chiacchiere inutili non le legge nessuno

al numero dieci vagabond, dei wolfmother
recuperata da un bel disco di qualche anno fa grazie a un film carino (500 days of summer) che ho visto la primavera scorsa
bluesetto essenziale, chitarra voce e percussione, almeno all’inizio molto gradevole: poi in effetti cresce precipitosamente verso un distorto un po’ volgare, che forse potevano risparmiarsi almeno in quest’ultima traccia di un album tutto molto tirato, che mi fece molta compagnia ai tempi (metà dei gli anni 2000, se non sbaglio)
il film pure è gradevole: niente di che, eh, per carità, è infarcito di ammiccamenti hipster che personalmente mi hanno dato noia dopo pochi secondi, ma racconta una storia quasi d’amore in un modo se non altro originale
la colonna sonora poi è assai gagliarda

al numero nove laredo, dei band of horses
perché con quattro soldi al mercatino di tor pignattara si trovano anche dei gioielli inaspettati

al numero otto lover of the light, di mumford and sons
che mi stanno rispettosamente antipatici, come già specificato in questo blog, perché  pieni di sé e di gente che li compiace, e a me invece mi sanno più furbi che talentuosi
la canzone però si fa ascoltare, ma soprattutto il video si fa vedere, perché opera di uno degli attori più maestosamente fichi della sua generazione

al numero sette my country, di tune-yards
disco buffo, sperimentale e divertente, sentito e risentito per tutta la prima parte dell’anno
un anno in cui tra l’altro ho avuto molte poche occasioni per sentire musica nuova, sempre distrattamente, sempre di rimbalzo
infatti l’album da cui è presa è del 2011, e probabilmente ne sono venuto a conoscenza solo grazie alle classifiche di fine anno fatte da qualche rivista prestigiosa o da qualche blogger illuminante: è solo grazie a tali classifiche che mi sono tenuto un minimo aggiornato, selezionando i dischi da procurarmi in base alla qualità determinata dalla presenza o meno in lista
se scrivo ogni anno questa classifica è anche per ringraziarli e nel mio piccolo imitare la loro opera di bene

al numero sei cities, degli hey marseilles
suoni eleganti e ben sviluppati, è stata la prima canzone che ho ascoltato con le cuffie nuove, per godere immediatamente della perfezione sonora di strumenti classici digitalizzati
è un po’ che lotto per procurarmi l’intero album, ma sto ancora perdendo la mia battaglia

al cinque cherokee, di cat power
perché tutti mi hanno parlato un gran bene di questo disco, e sì, è un disco carino, ma questa canzone è troppo superiore al resto

al quattro ticket to ride, dei così, lì, quelli
(non sapevo quale scegliere, in realtà)
come forse gli attenti e affezionatissimi lettori di questo blog avranno già avuto modo di scoprire, il 2012 è stato un anno importante, per me
di tutti i tantissimissimi aspetti da tenere sotto controllo, realizzare la playlist per l’aperitivo a bordo piscina è stata forse l’attività più gradita dal sottoscritto, che ci si è dedicato con tutta la sapienza e la certosina minuziosità che l’occasione imponeva
ho scelto tutta musica anni ’60, allegra e soleggiata, per accompagnare col sorriso momenti che ho ancora tatuati nella testa e nel cuore
in particolare questa era la prima, e ricordo perfettamente il momento in cui è stato premuto il tasto play

al tre dirty paws, degli of monsters and men
definiti (da me, ma probabilmente anche da moltissimi altri) la risposta islandese agli arcade fire, sono forse più dolci e sognanti dei loro maestri canadesi, e regalano un folk simpatico impregnato di quelle atmosfere eteree, quasi fiabesche, tipiche dei musicisti che vengono da quell’isola
il disco è molto molto bello, ho mancato di un soffio il loro concerto a roma un paio di mesi fa e ancora soffro

al secondo posto yer fall, di hey rosetta!
gruppo canadese bello numeroso, disco molto rockettone e gustosissimo, pieno di strumenti e di arrangiamenti interessanti, questa canzone meravigliosa si distingue dalle altre per la ricercatezza della composizione, secondo me
(mi piace un sacco provare a dare giudizi tecnici super-obiettivi, cercare termini universali e sofisticati, e poi piazzare un “secondo me” alla fine che fa crollare tutto)
i cinque quarti, raga
e poi di nuovo a sei ottavi, e in mezzo il pianoforte, i crescendo, le mille chitarre, gli archi
bello bello

ma poiché questa classifica si basa spudoratamente sul numero di ascolti, al numero uno vince per distacco simple song, dei the shins
e ho capito che non riesco ancora a staccarmi dalle sonorità arcade fire, e anzi sono stato un anno a cercare sostituti, perché anche questa canzone potrebbe essere uscita da un loro disco
il video poi è molto carino, con i figli radunati che assistono a un video messaggio del padre già morto che li ha radunati nella loro casa d’infanzia e li sfida a trovare l’eredità nascosta prima che arrivi l’impresa di demolizione

basta, sentitevi queste canzoni, sono belle e meritano almeno qualche istante del vostro tempo
e poi anche quest’anno ve le regalo, che buono che sono, potete scaricarle comodamente e amichevolmente cliccando qui
almeno finché non mi beccano…

Annunci

so this is the new year and i don’t feel any different

globoleggere quello che è accaduto a cortina, cioè un semplice controllo della finanza che fa uscire fuori un greatest hits dell’evasione all’italiana, mi ha fatto sinceramente, affettuosamente, birichinamente godere

ci pensate? un intero bastimento carico di sanguisughe che per la prima volta si rovescia sulla spiaggia del mondo degli onesti: me li immagino, questi fenomeni del candore fiscale, che soffiano via la polvere dal registratore di cassa, nascosto dal nonno in qualche scantinato umido, e lo avviano con un rumore da motore fuoribordo per emettere il loro primo scontrino da generazioni su quella carta ingiallita, prossima alla decomposizione
“no no, ce l’abbiamo il registratore, agente, ecco, vede?”

oppure i gagliardi nuvolari dalle facce marroni, con le macchinone tiratissime proprio come loro, che sembra che le lampade se le facciano direttamente in apnea nell’abitacolo 5 stelle vista mare, mentre rumoreggiano lungo le vie del lusso: questi esemplari di indecenza che poi piangono miseria quando si tratta di spiegare al pallido tenentino di turno come abbiano potuto, con il loro stipendio da lucidascarpe e la loro enorme famiglia marrone a carico, permettersi tali colori
“ma certo che sono nullatenente, caro lei! ma lo sa al mese quanto mi costa, ‘sta macchina!?”

ecco, una spietata risata sulla faccia (marrone) di questi parassiti, di solito così spacconi nell’ostentare impunità e nel maramaldeggiare su chi invidioso non può permettersi la loro delinquenza, di tanto in tanto fa bene

poi però lo schifo prevale
nei confronti loro, sì, perché schifo fanno, e verso la solita pletora di protettori e coccolatori che denunciano giustizie sommarie e invocano tutele e libertà di parassitare, appellandosi alla presunzione di onestà, pura fantascienza in un paese come il nostro

ma, attento, prendo le distanze anche da chi mi vuole proporre l’evasore come l’unico nemico del popolo oppresso: è un ragionamento pericoloso, che distorce la realtà e che tra l’altro cancella un paio di secoli in cui l’idea di lotta di classe era rivolta a ben altro
ad ogni modo, e senza scomodare illustri pensatori, mi viene sempre da temere che quando tutti i mezzi di informazione puntano all’unisono il loro sporco dito contro un’unica categoria (quasi mai quella giusta, peraltro), ci sia sempre sotto qualcosa
prendi la conclusione dell’amaca di stamattina di michele serra su repubblica, il suo nobile mirino accusatorio puntato che sembra non lasciare scampo: certo, in questo caso stiamo parlando di criminali veri, non di zingari o rumeni qualsiasi, però tutta questa attenzione nei confronti dei ladri fiscali mi spaventa, perché non riesco a credere che sia solo una coincidenza
non è che, per caso, c’è forse una gigantesca crisi mondiale del sistema uber-capitalistico che ha dominato l’ultimo secolo, crisi che raderà al suolo per primi i meno abbienti e che non torcerà nemmeno un capello alle sue cause, e forse le suddette cause, ancora alla guida di tutto ciò che conta, vogliono distrarci indicandoci qualche nemico più innocuo, ma anche più vicino e facile da riconoscere?
troppo complottistico, pensare che ci stiano mettendo di fronte un altro facile obiettivo per la nostra rabbia frustrata, mentre con le altre mani preparano la vaselina?
sicuri?

insomma ragazzi, benvenuti nel nuovo anno
fatemi sapere se notate qualche differenza