is that marionette real enough yet to step off of that set?

ombreragazzi, qua la situazione sta precipitando giorno dopo giorno e bisogna fare qualcosa per testimoniarlo
il paese affonda con tutta l’orchestra mentre al timone c’è un capitano ubriaco, e le scialuppe di salvataggio, se ci sono, non sono certo fatte per noi
continuiamo così, radendo al suolo economia scuola cultura coscienza e civiltà, e risollevarsi sarà un’impresa colossale
bisogna dirle, queste cose
tutti i giorni, a costo di ripetersi e diventare noiosi e passare per pessimisti e scacciare definitivamente gli ultimi lettori di queste pagine
stiamo messi male, e non possiamo continuare a fare finta di niente

alla guida del paese rimane incollato e incrollabile un vecchio mitomane con dirompenti manie di grandezza e di persecuzione, con un potere enorme a cui non vorrà mai rinunciare, nonostante i primi scricchiolii da basso impero siano piuttosto evidenti
l’altra sera c’è stato il suo lungo soliloquio sulla prima rete pubblica, tre ore e passa di pura propaganda celebrativa della sua persona e del suo operato, magistralmente condotte da uno dei servitori che più lo osannano
le altre trasmissioni sono state spostate o cancellate per l’occasione, a dimostrazione che il conflitto di interessi è ormai un eufemismo
poi scopri che le opere faraoniche che si è gloriosamente attribuito sono in realtà frutto del lavoro altrui
un furto vero e proprio
e scopri che durante la sua visita ad onna, altoparlanti trasmettevano applausi registrati
aspetta, lo ripeto: applausi registrati
registrati per le telecamere, di modo che il popolo italico possa gioirne di fronte allo schermo complice, insieme al suo duce
quando l’ho letto sono rimasto secco

pare che però questa grande azione di glorificazione del leader non abbia raggiunto la sensibilità televisiva degli italiani, che gli hanno preferito altri spettacoli, segnando una macchia a dir poco clamorosa proprio in uno dei suoi passatempi preferiti
inaudito, il berlusca va alla tivù per mostrarsi in tutta la sua potenza e non riceve ovazioni, cosa sarà successo?
forse tre ore di monologo sempre sugli stessi argomenti sono semplicemente troppe anche per i più defeli, che gli hanno preferito un’altra fiction
o forse ci stiamo stancando veramente, forse il limite è stato finalmente superato, quando è troppo è troppo, chissà
mi nutro di queste false speranze da decenni, ormai
e non chiedo altro, davvero, al punto che ogni volta che su questi cieli passa una stella cadente al berlusca dovrebbero fischiare le orecchie

d’altra parte so che costui non mollerà mai e poi mai, troppa l’ingordigia di potere, troppa la consapevolezza che senza quel potere la sua vita potrebbe finire male
farà di tutto per mantenere le cose come stanno o di piegarle ulteriormente a suo vantaggio esclusivo personale, in spregio a qualsiasi verdetto, giudiziario o elettorale, ché tanto non gliene è mai fregato niente né delle regole né della democrazia
non credo si farà più di tanti scrupoli, quando per esempio la consulta boccerà il lodo alfano o quando gli scioperi di questo autunno saranno sempre più rumorosi o quando le pressioni dall’europa si faranno sempre più minacciose: quella poltrona è ormai l’unico modo che ha per salvarsi, e non voglio davvero sapere di quali armi di persuasione di massa potrebbe fare uso

(post noioso e già straletto, lo so, ma d’altra parte che fare? vogliamo continuare a guardare il tguno?)

while we’re on the subject, could we change the subject now?

autonon è che abbia poi tutto questo tempo per aggiornare il blog
qui mi fanno lavorare
e poi che dire? che visione si ha dell’italia da quassù?

sui giornali online non si parla d’altro che delle imprese erotico-sentimentali del presidente del consiglio, gustosi siparietti che mettono in ombra anche i tremebondi pericoli dell’ennesima epidemia apocalittica (durata una settimana o poco più, mi pare, no?) e le rinnovate avventure capitalistiche della compagnia automobilistica di bandiera, capace di esportare un po’ di democrazia anche in angoli incontaminati come germania e stati uniti (con che soldi, poi? quelli nostri, giusto?)
be’, tutto ciò è squalliduccio anzichennò, e me ne terrei volentieri alla larga, le mille leghe che mi separano dal “bel paese” non sono mai state così confortanti
poi leggo che stasera il berlusca andrà da vespa (il temuto giornalista, celebre per le sue domande ficcanti e inquisitorie ai potenti) a pretendere le scuse della sua signora
“è colpa della sinistra!”
adoro il grottesco

ragazzi, sto via da pochi mesi, eppure non ricordo qualcosa di altrettanto desolante
la nazione tutta raccolta intorno al televisore per conoscere le deprimenti attività personali del suo presidente, nella sublimazione del discorso politico a reality show
il passaggio da democrazia a pubblico televisivo è ormai completo

non mi resta che chiedere la cittadinanza polonica

nani e ballerine


c’è questo documento curioso che circola in rete, ci sono due buffe persone che parlano al telefono di questioni apparentemente importanti, l’uno sembra un pezzo grosso ammanicato più o meno ovunque, che cerca di far diventare famose due sue protette per meri scopi personali, l’altro è il suo fedele dipendente, oltremodo ligio ai desideri del capo, che si mostra disposto a qualsiasi cosa pur di accontentarlo

“prendi questa qui, mi può essere utile..”

“lei presidente non mi deve spiegare nulla..”

sembra una di quelle squallide commedie all’italiana di trent’anni fa, con la fenech sempre mezza nuda sballottata da una parte all’altra, renzo montagnani che fa il pappone lumbard con l’arroganza dell’uomo di successo, e lino banfi che prende schiaffi, aspetta il suo momento e suda, suda, suda..

peccato però che in realtà i protagonisti di questa vicenda siano da una parte il capo dell’opposizione, un multimiliardario plurinquisito dalla carriera personale e politica per niente chiara, e dall’altra uno dei massimi dirigenti della radio e televisione pubblica italiana, indagato per corruzione insieme al primo

basso impero, ragazzi, rigorosamente made in italy

le cose da sottolineare sono due: la prima è l’ennesima dimostrazione della facilità nel controllo e nella manipolazione dell’informazione che ci viene dal nostro protagonista lombardo e dalla sua cricca di vassalli

se si vuole uscire limpidi da una situazione del genere così apparentemente senza scampo, la tecnica è una sola: ovviamente tutta l’attenzione non deve essere posta su quello che è stato detto, per carità, si rischierebbe di capire i motivi che hanno spinto un giudice a dare il via libera all’intercettazione, si potrebbe dare luogo a una seria discussione sullo stato della televisione pubblica e dei poteri della politica in generale; l’unica cosa da fare è scaricare la maggiore potenza di fuoco propagandistica possibile sull’atto (di per sé legittimissimo) della registrazione e della successiva pubblicazione, infangando senza ritegno la procura di napoli che ha avallato una procedura assolutamente legale, spostando l’attenzione sulla forma e non sulla sostanza, di modo che non si parli di cosa si sono detti i due protagonisti ma solo del fatto che qualunque cosa si siano detti non doveva finire sui giornali

e altrettanto ovviamente bisogna che tutta o quasi la televisione gli vada appresso, guarda caso dimenticandosi del contenuto, chiudendo un occhio, facendo finta di non vedere che quel signore fa il bello e il cattivo tempo nelle aziende pubbliche come e quando gli pare, trovando sempre servi striscianti pronti a servirlo

e così è stato, lo stesso identico protocollo che puntualmente si ripresenta ogni qual volta ci sia qualche indagine su questo anziano signore (e non sono poche, bisogna ammetterlo)

la cosa che non è poi così scontata, che anzi non dovrebbe accadere mai ma che invece si verifica sempre più spesso, è il fatto che si riconfermino per l’ennesima volta i più fedeli alleati di questa strategia deleteria quelli che tecnicamente dovrebbero essere i rivali politici e ideologici di tali personaggi, che invece si dimostrano felici di seguire striscianti le orme del biscione, ben disposti a davvero sconvenienti segnali di solidarietà, pur di difendere anche i propri interessi

il secondo aspetto evidente è che in italia la politica è questa, splendidamente ritratta in sette minuti di chiacchierata: mesi e mesi a ciarlare di spallate, di lavori in corso per cambiare rotta, di manovre politiche per ribaltare la maggioranza alle prossime elezioni, e allora uno si immagina i giochi di potere che ci stanno sotto, le contrattazioni con i grandi industriali, le promesse politiche agli alleati, gli equilibri da ristabilire in seno al proprio elettorato..

e invece no, qua si tratta semplicemente di piazzare un paio di fanciulle e far contento qualche senatore viagra-munito, per addolcire le sue pene nel travagliato passaggio da una maggioranza all’altra, e via, il ribaltone è fatto

che tristezza, posso dirlo?
ps: un grazie davvero sentito a tutti coloro che si sono ricordati che venerdì ci sono stati compleanni ben più importanti del mio

quando meno te l’aspetti

(ma alla fine che l’ho riaperto a fare il blog se poi non ho tempo per scriverci e non ne avrò ancora per un bel po’? bah..)

cari amici vicini e lontani, interrompo istantaneamente la latitanza e mi reinserisco quatto quatto nel microcosmo splinderiano per darvi un piccolo affettuoso consiglio per giusto un paio delle prossime ore
cosa c’è di meglio, vi chiederete, in una calda serata estiva di quelle che pretendono a gran voce un gelato alla frutta e una passeggiata a piedi scalzi sul lungomare sfoggiando la nuova camicia “saldi estivi 2007”, che rinunciare a tutto ciò e rinchiudervi in casa davanti all’ottuso televisore che nemmeno a dicembre quando c’è la carrà?
bene, fatelo, perché stasera ne vale la pena
stasera infatti, nel roboante silenzio dei media e nell’assoluto stupore del sottoscritto, la terza rete rai ha deciso di dare un senso alla sua programmazione e piazzare in prima serata estiva un film bellissimo, di cui già parlai entusiasticamente in diverse occasioni (qui e qui), e di cui non smetterò mai di tessere le lodi
non credevo sarebbe stato mai possibile vederlo in televisione, nonostante fosse stato prodotto anche con i soldi della tv pubblica, e invece
dategli almeno un’occhiata, sarebbe un piccolo omaggio a chi crede ancora nella verità e lotta per farla emergere
seguirà dibattito (prima o poi)
baci a tutti

luca